Prestiti personali

Un prestito personale è, in generale, un prestito destinato ad uso personale. I prestiti personali rientrano nella categoria dei finanziamenti non finalizzati, cioè quei prestiti che non vengono richiesti per acquistare un determinato bene o servizio. Tipici impieghi per i prestiti personali sono finanziamenti per grandi acquisti (ad esempio, elettrodomestici), le vacanze, l'istruzione, il consolidamento del debito, ecc.

I prestiti personali sono prodotti normalmente concessi da banche o da altri istituti di credito. Il rimborso dell’importo ricevuto a prestito avviene attraverso il pagamento di rate mensili. Possono fare richiesta di un finanziamento personale tutti coloro che percepisco un reddito siano essi dipendenti o pensionati, con un’età massima di 75 anni. Gli importi finanziabili attraverso i prestiti personali sono compresi tra Euro 2.000,00 ad Euro 30.000,00, con durata del finanziamento compresa tra 24 e 72 mesi.

Esistono due principali tipi di prestiti personali: prestiti garantiti e prestiti non garantiti.

Se il prestito è garantito, significa che vi è una "attività" assicurata contro il prestito. Questa attività sarà qualcosa di valore di cui si ha la proprietà, di solito la casa, che è utilizzata come una garanzia per affrontare il prestito. Poiché il bene protetto contro il prestito agisce come una potenziale garanzia, i prestiti garantiti sono considerati a basso rischio da parte del mutuante. I tassi di interesse sono in genere inferiori a quelli per i prestiti non garantiti, e l'importo che si possono prendere in prestito è spesso più elevato. Tuttavia, se non si pagano regolarmente le rate, si rischia di perdere il possesso dei beni, i creditori potranno vendere tali beni e recuperare il loro denaro.

Il prestito non è garantito, se non si ha alcuna "attività" a garanzia del prestito e, pertanto, comporta un rischio minore per il mutuatario (ma si deve sempre garantire che il rimborso del finanziamento avvenga regolarmente prima di prendere qualsiasi tipo di prestito). Il rovescio della medaglia è che comporta un rischio più elevato, invece per il creditore, per cui i tassi di interesse sono in genere superiori a quelli previsti per i prestiti garantiti. Essi sono generalmente resi disponibili anche in piccole quantità per un periodo più breve rispetto ai prestiti garantiti. Anche in questo caso sono previste le stesse conseguenze nel non tenere il passo con i pagamenti.

Il prestito a tasso fisso è un tipo di finanziamento con un costo, rappresentato dal tasso di interesse, che resta costante fino alla totale estinzione del prestito. Un prestito a tasso fisso è ideale quando i tassi di interesse sono in aumento, dal momento che vi sarà un blocco verso il basso dei tassi e i pagamenti mensili rimarranno gli stessi.

Nei prestiti a tasso variabile l'interesse cambia a seguito dei mutamenti che avvengono nel mercato. Il tasso di interesse offerto su un prestito a tasso variabile tende ad essere inferiore a un prestito a tasso fisso della stessa durata. Come con la maggior parte delle cose in finanza, scegliere quale è la migliore delle soluzioni indicate in precedenza dipende da molte variabili che cambiano in continuazione.
Una regola che vale per entrambi i tipi di prestiti personali è che si dovrebbe sempre essere completamente sicuri di poter effettuare il rimborso prima di chiedere qualsiasi forma di finanziamento. Se non si è sicuri, parlare con un consulente prestiti professionista, che sarà in grado di rispondere a tutte le domande che avete su prestiti personali.